Mimmo il mago e quei 30 milioni apparsi dal nulla….

mimmo turano

Questa volta  “Mimmo il mago” si è superato, ed ha cacciato fuori dal cilindro, pardon dalle casse della Provincia, di cui Girolamo Turano è presidente, 30 milioni di euro, ossia circa 60 miliardi di vecchie lire. Soldi che stavano lì e nessuno, però se ne era mai accorto: milioni, non noccioline. Roba da far rizzare la chioma bionda di Giulia Adamo e, perfino, i pochi capelli che rimangono sulla testa del senatore Antonio D’Alì. Accantonati alla voce di bilancio “Residui passivi”, alcuni riferibili addirittur agli anni Ottanta, cioè denaro messo da parte per approntare spese che, però, non sono mai state sostenute, ovvero affrontate con uno esborso economico inferiore a quello preventivato. Insomma, come andare al supermercato a fare la spesa e, invece, di spendere 100 euro ne spendi solo 20, ricacciando nel portafolgi, nel tuo portafolgi, 80 euro e scordarteli in tasca. Ma come è possibile una disattenzione così macroscopica? Tutti incompetenti all’ufficio ragioneria dell’Ente? E se è così, per i tecnici “distratti” verranno adottati provvedimenti? Mimmo Turano, spiega e rispiega come è avvenuta la scoperta del tesoro nascosto, parlando di “buona fede” e “bilancio parallelo”. Sta di fatto però, che la provincia si ritrova nelle casse 30 milioni di euro. Grazie a Mimmo il mago e alla sua bacchetta magica.

Pamela Giacomarro

Annunci

Tag: ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: